I Segreti di Wind River

il

i segreti di wind river

12 aprile

Uno degli slogan che accompagna il trailer di questo film è “Il Silenzio degli Innocenti è tornato”.
Basterebbe questo per tenerti lontanissimo dalla sala. Ma se fuori piove e sei anche un po’ triste perché devi cambiare casa, allora ti butti in un cinema pensando che ti farai andare bene tutto.
Così finisci a vedere un thriller ambientato in Wyoming (stavolta pronunciato senza rutto) dove la temperatura non è l’unica cosa a restare sotto lo zero.
Sotto zero è ovviamente la recitazione di Jeremy Renner, uno che non capisci mai se sia l’attore meno espressivo della sua generazione o se ne sia invece il più inespressivo.
Sotto zero rimane la suspense, che in un poliziesco dovrebbe essere la molla che tiene teso il tutto, ma che qui si limita a due sole scene, sorrette più che altro da un audio anche piuttosto grossolano.
Sotto zero il doppiaggio penoso.
Sotto zero resta la scrittura dei personaggi: ce ne sono due, forse tre, gli altri sono solo comparse sacrificabili e sacrificate.
In due parole due: l’agente Jane è una biondina dell’FBI che da Las Vegas viene dirottata in un gelido borgo, a ridosso di una riserva indiana, dove è stato rinvenuto il cadavere di una ragazza assiderata. Probabile stupro e probabile omicidio. Siccome in questo paese sono tutti molto chiusi e sgodevoli, L’agente Jane si affida all’aiuto dell’ermetico Cory, cacciatore tutto d’un pezzo che segue le tracce e porta nel cuore un doloroso passato che bla bla bla bla…
Va da sé che durante l’indagine, persone che fino a poche ore prima non si conoscevano nemmeno, scoprono improvvisamente un’anima dalla lacrimuccia facile, anche se poi tutti gli altri personaggi, tra l’altro gente che si conosce da una vita, vengono trattati a pedate e quando muoiono sparati chissenefrega.
Insomma una storia che all’inizio promette di prendere spunto da qualcosa che “forse potrebbe anche essere vero“, si risolve nel solito film privo di qualsiasi sfumatura o attenzione, dove alla fine gli improbabili cattivi sono così inutilmente malvagi e schifosi che devono per forza essere uccisi senza pietà o indecisione.
Tanto chi li piange quelli? L’importante è legittimare la vendetta e promuovere la giustizia da giustiziere.
Poi leggi quello che scrivono sul poster e dici boh?
Per me qui dentro c’è davvero poca roba, lasciate perdere.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...