Come L’Ombra

come l'ombra

09/09/2007

Intendiamoci, non è un film che ti fa “stare bene”. È un film fondamentalmente triste, ma non triste in senso drammatico. Triste nel senso della tristezza. Parla della solitudine assordante che ci circonda. È girato in una Milano che più deserta non si può, neanche un’anima in giro, e quelle poche persone che ci sono non parlano, non suonano, non fanno nessun rumore, c’è solo un soffio, neanche un respiro, più che altro una specie di rantolo delle periferie dritte e dure a guardia di  questo vuoto tutt’attorno. I film restano sempre comunque soggettivi, come insiste a ricordarmi qualcuno, per me rimane molto bello, certe immagini spaccano, l’attenzione per la cura e la costruzione si vede, al di là di uno stile che vorrebbe essere povero, quotidiano più che altro. E la recitazione è ottima, nei tempi e nelle sfumature. Triste. Ma bello.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...