Come Dio Comanda

come-dio-comanda-locandina-low

In un paese di sassi dove c’è sempre freddo, Quattro Formaggi fa un casino in una notte che piove. In questo casino ci finiscono anche Rino e suo figlio Cristiano. Quattro formaggi è uno che s’è fritto il cervello con la scossa. Rino è uno che si vuol fare rispettare, Cristiano ha quattordici anni e sta crescendo. Com’è, come non è, le cose si complicano ulteriormente. Fino al finale.
Premessa importante: devo essere l’unico che è andato a vedere il film senza avere letto il libro.
A me sto film è piaciuto. Si dice in giro che parli di fascismo. Non è mica vero. Magari il libro ne parlava di più. Il film no. Anzi, avrebbe potuto cominciare mezz’ora dopo e sarebbe stato lo stesso. Difatti la prima parte, quella in cui si assiste al catechismo del padre Rino nei confronti del figlio Cristiano, pare più che altro propedeutica al rapporto stretto e fedele tra i due protagonisti. Probabilmente il romanzo di Ammaniti voleva raccontare altre cose, che Salvatores sceglie di omettere, per dedicarsi al racconto di una notte piovosa, di un ragazzo che si fa uomo, di follie che cercano una ragione. Il risultato è raccolto in due ore di film che vanno via bene. Salvatores firma con autorevolezza un’altra regia impeccabile, soddisfando lo spettatore che per sentirsi coinvolto si dispone ad incassare qualche colpo duro.
Bella prova.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...